Densitometria ossea computerizzata

Densitometria ossea

La densitometria ossea computerizza è una tecnica diagnostica che impiega una ridotta quantità di raggi X per valutare e indagare la densità minerale delle ossa. Questo strumento diagnostico permette di prevenire e monitorare l’osteoporosi e tutte le patologie che possono in qualche modo intaccare la composizione delle ossa dello scheletro, deteriorandole. A Palermo, il nostro studio dispone degli strumenti necessari per lo svolgimento corretto dell'esame e per individuare malattie che favoriscono la demineralizzazione delle ossa.

Metodologia Dexa per indagare la densità ossea

L’indagine può essere svolta con metodologia DEXA, che consente di esplorare più segmenti ossei con una minima esposizione alle radiazioni, con risultati quantitativi e qualitativi eccellenti, molto precisi ai fini diagnostici dell’osteoporosi. L’esame prevede un tempo di indagine di soli 10 minuti e al paziente non è richiesta alcuna preparazione dietetica o farmacologica, solo di rimuovere dal campo che verrà trattato, tutti gli oggetti metallici. La densitometria ossea consente di indagare a fondo la quantità e la qualità del calcio presente nelle ossa e valutare, caso per caso, le terapie da intraprendere in caso siano presenti i sintomi dell’osteoporosi.

Quando sottoporsi alla densitometria ossea

L’esame di densitometria ossea è particolarmente consigliato alle donne di età superiore ai 65 anni, in meno pausa da almeno 10 anni, in menopausa precoce o chirurgica. Inoltre, questa indagine è prevista per alcuni casi specifici:

  • variazioni fisiologiche;
  • abuso di alcol e sigarette;
  • familiarità con la malattia;
  • fratture importanti;
  • trattamenti cortisonici prolungati
  • carenze alimentari;
  • variazioni fisiologiche (ipogonadismo primario o amenorrea secondaria che dura da più di un anno);
  • malattie che favoriscono la demineralizzazione ossea.
Share by: